COMUNICATO STAMPA – La Sasi presenta la terza edizione del progetto destinato alle scuole “C’era una volta l’acqua”

Dopo il successo e la numerosa partecipazione delle scuole torna il concorso promosso dalla Sasi dal titolo significativo “C’era una volta l’acqua” che quest’anno firma la terza edizione arricchita da interessanti novità. Ci sono, infatti, pure le associazioni ambientaliste a sostenere un progetto che sta molto a cuore al presidente della Sasi Gianfranco Basterebbe che in questi anni ha rivolto grande attenzione al territorio anche con un’opera di sensibilizzazione nei confronti dell’utilizzo corretto di un bene prezioso e vitale come l’acqua. Questo concorso si rivolge ai ragazzi, guarda quindi, alle nuove generazione auspicando una maggiore consapevolezza e rispetto per l’ambiente e quindi per l’acqua, risorsa fondamentale ma non illimitata.
“La presenza di sei associazioni, le più rappresentative del territorio, è un segnale importante per la Sasi e per questo progetto in particolare, perché testimonia l’efficacia dell’iniziativa – ha detto il presidente Gianfranco Basterebbe nel corso della conferenza stampa di presentazione – alla quale abbiamo voluto dare una marcia in più proprio con la partecipazione concreta di chi da tempo si occupa del rispetto e della tutela dell’ambiente. I volontari di queste associazioni potranno svolgere alcune ore di lezione nelle scuole che accoglieranno questa nostra proposta”.
All’incontro con i giornalisti hanno preso parte i rappresentanti delle associazioni che hanno scelto di collaborare con la Sasi. Ines Palena presidente della sezione fentana e costa teatina del WWF, Rebecca Virtù del circolo di Atessa di Legambiente, Alessandro Lanci, presidente di Nuovo Senso Civico, Renato Di Nicola del Forum H2O e Silvia Ferrante del Centro di Documentazione sui Conflitti Ambientali – CDCA Abruzzo. Assente giustificato il rappresentante di Mare Vivo che ha dato la sua adesione al progetto. Tutti hanno sottolineato l’importanza e la validità di una collaborazione di questo tipo che li vede seriamente e concretamente impegnati con l’obiettivo non solo di coinvolgere i ragazzi, ma di arrivare alle loro famiglie per renderli partecipi di un percorso virtuoso che metta in primo piano il rispetto dell’ambiente e della risorsa idrica.
“Abbiamo voluto ampliare la platea dei partecipanti con la presenza delle associazioni – ha spiegato Manuela Carlucci, dirigente dell’area commerciale, amministrativa e regolazione della Sasi, che è stata anche l’ideatrice di questo concorso – questa collaborazione rappresenta un valore aggiunto per proseguire nell’opera di avvicinamento e sensibilizzazione partendo proprio dai più piccoli. Il Concorso è destinato agli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di Primo grado – ha ricordato la Carlucci – chiamati a realizzare elaborati che vanno dal disegno alla fotografia. I bambini di prima e seconda elementare si cimenteranno nel disegno, quelli di terza, quarta e quinta dovranno svolgere un componimento e gli alunni della scuola media useranno creatività e fantasia per video e foto. Le tematiche del concorso sono, l’acqua come bene prezioso, l’acqua è un diritto basilare, l’inquinamento dell’acqua, la vita senz’acqua, l’acqua come bisogno umano, riutilizzo dell’acqua depurata, acqua ed energia pulita, impatto ambientale sul consumo dell’acqua e l’acqua come risorsa esauribile”. Sono questi, dunque, gli argomenti che saranno oggetto di riflessione e di confronto per poi essere interpretati e tradotti negli elaborati richiesti.
La Giuria del Concorso sarà definita entro il 30 aprile, la data ultima per inviare i lavori è il 15 maggio. La premiazione si terrà il 9 giugno.

Skip to content